lunedì 12 marzo 2012

Ultima settimana a Campolisio

A soli sette giorni alla nostra partenza da Sarruni, dopo qualche giorno di pioggia, è finalmente arrivata la tramontana a spazzare via tutte le nubi e restituendoci un gran bel cielo sereno e sole forte.

 Con Flavio e Ruly in una valletta umida dove le canne regnano sovrane.

 Capo di Santa Maria di Leuca.

La passeggiata quotidiana con Mafalda e Peppina che poi ricevono una bella strigliata ed una zoccolicure completa.

Ogni mattina, appena apriamo le stalle finita la mungitura, ci godiamo la corsa di tutte le caprette all'assalto del carrello delle verdure.

Arturo, il caprone tibetano della casa, è un piccoletto ma conquista anche le capre alte il doppio di lui. Trovandosi sottovento lo si sente anche a distanza.

Al pascolo nella macchia: Terra rossa salentina, cielo azzurro, mare, profumi di fiori di zafferano selvatico ed erba cipollina, rosmarino sempre in fiore, asparagi selvatici per la frittata e piantine di salsapariglia, la preferita delle capre.

I capretti giocano tutto il giorno, corrono, saltano e iniziano anche a simulare qualche piccolo duello a sonore craniate.

Le quattro temutissime oche che compongono il servizio d'ordine della fattoria, nessuno si può avvicinare senza metterle in allarme e scatenando uno starnazzìo da finimondo. Le loro grandi uova però valgono bene il rischio di prendersi una beccata sui polpacci mentre ci si avvicina ai nidi dove depongono.

3 commenti:

  1. Bellissima la foto dei capretti che si "craniano"
    :D

    RispondiElimina
  2. bellissime foto...continuate così. un bacione grande Colly

    RispondiElimina
  3. Immagini bucoliche di grande tranquillità e pace! Anche noi siamo in avvicinamento pugliese! Ciao ragazzi!
    Eliseo & Sara

    RispondiElimina