venerdì 27 gennaio 2012

La Comune di Urupia

Rieccoci! Ormai sono quasi dieci giorni che siamo ospiti delle comunarde della Comune di Urupia, a Francavilla Fontana (BR), nel bel mezzo di un mare di uliveti, vigne, fichi d'india ed ogni sorta di vegetazione mediterranea, cosa alquanto nuova per noi che abbiamo passato gli ultimi 9 mesi praticamente sempre in montagna.

La Comune è di ispirazione anarchico-libertaria, venne fondata dall'incontro di un gruppo di salentini con uno di berlinesi nel 1993 e si stabilì, dopo una lunga ricerca, nella grande e bianca masseria nel 1995.
L'assenza della proprietà privata, l'uguaglianza ed il metodo del consenso sono i principali valori su cui si fonda la comune che attualmente è composta da 15 adulti e 5 bambini.

Uno dei prodotti tipici di Urupia è l'olio extravergine ed in questi giorni siamo quasi agli sgoccioli della raccolta.  Per il Salento questa è stata un'ottima annata, con grandi raccolti, rese che ultimamente superano il 25% e basse acidità che daranno un ottimo prodotto.

Il nostro ufficio, Urupia si trova su di una lieve collinetta ed è circondata da ulivi secolari di tutte le varietà, forme ed altezze.

La leggera nebbiolina alla mattina, di notte si arriva quasi allo zero, ma di giorno con il sole, e senza vento, la temperatura è davvero gradevole.

Ele e Carlotta al forno. Chi è di turno inizia alle 6 del mattino per produrre giornalmente diversi tipi di pane, frise e tarallucci che vengono venduti ad amici della Comune ed a vari GAS.

 I tarallucci nel grande forno a legna (fascine di ulivo).

Ele in cantina per l'etichettatura delle bottiglie di vino, un altro prodotto tipico di Urupia. Negroamaro, primitivo, malvasia nera e bianca, chardonnay e montepulciano, venduti al 100% o a formare miscele studiate e ricercate, tutto naturalmente e rigorosamente biologico.


La particolare copertura della cupola della cattedrale di Oria, un paesello a circa 10 km da qui e che abbiamo raggiunto camminando sempre in mezzo ad uliveti.

Intanto abbiamo saputo che l'amica Federica, vedi il blog "Partire prima di tutto", è felicemente ospite degli amici di Bioagrisalute a Cancellara. A lei ora il compito di badare ai vecchi amici della stalla.

3 commenti:

  1. Grazie del vostro reportage. Ogni volta che leggo di Urupia, io ci spendo sempre una lacrimuccia di nostalgia.

    Vi linko il mio glossario/diario di due anni fa. Un saluto a tutte le comunarde e le ospiti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi seguo con ammirazione dal profondo sud della mia bella isola :-)
      vi ho appena scritto via mail a tugsiece@gmail.com spero che l'indirizzo sia ancora attivo.

      Buon lavoro!

      Ciaooooo :-)

      Elimina
  2. Ancora sud, ancora bei progetti. non conosco queste realtà nonostante io sia lucana. ho sempre dato importanza alle realtà toscane dimenticandomi del sud, mi state aprendo gli occhi. continuate a viaggiare, voi che potete

    RispondiElimina